IN ATTESA DEL VACCINO ANTI COVID È BENE NON PERDERE DI VISTA LA RICERCA SUL CANCRO

Quando si parla di ricerca oncologica in Calabria è d’obbligo citare il prof. Salvatore Venuta che riuscì a sviluppare anche da Rettore della Università “Magna Grecia” di Catanzaro la ricerca, su vasta scala, da coinvolgere nella stessa il vasto e complesso pianeta, sia in oncologia molecolare che nello sviluppo di approcci terapeutici innovativi in collaborazione con prestigiosi luminari in oncologia delle più autorevoli e prestigiose Università sia Europee che d’oltre Oceano. Fu anche componente, nel 2000 della Commissione Medica e del Comitato di Ricerca internazionale in oncologia oltre che componente del Comitato di Coordinamento del Programma “Europa contro il cancro” e vice Presidente della Commissione Studi e Ricerche della Lega Italiana per la lotta contro i tumori ed sino al ’92 Componente della Commissione Scientifica per la valutazione dei programmi di ricerca afferenti al progetto AIDS del Ministero della Salute. Nella Sua carriera ebbe anche ad occuparsi principalmente dei tumori ereditari: della identificazione e dello studio degli stessi e delle mutilazioni responsabili dei tumori ereditari al seno e del colon, dell’uso di tecnologie innovative per la identificazione dei bersagli molecolari nelle patologie neoplastiche, sporadiche ed ereditarie riuscendo anche ad utilizzare degli screening nei tumori ereditari. Tra i diversi studi eseguiti, quello dell’apoptosi gli ha poi consentito la identificazione di nuovi geni espressi e del meccanismo molecolare con lo sviluppo e l’utilizzazione di biotecnologie per il monitoraggio, la diagnosi e la cura , oltre che la prevenzione di patologie oncologiche anche quella che ha riguardato le indagini clinico-epidemiologiche finalizzate alla valutazione delle ripercussioni sullo stato della salute della popolazione derivanti dalla esposizione alle onde elettro-magnetiche a bassa frequenza. Tale era stato il patrimonio che il prof. Venuta aveva lasciato in eredità alla ricerca sulle patologie oncologiche alle future generazioni. Purtroppo, con la Sua scomparsa anche il Centro di Eccellenza e Ricerca sui tumori, da Lui fondato, perché tale era il Suo sogno, ne ha subito le conseguenze. Pertanto ora occorre cancellare tale imperdonabile errore, da restituire alla Università “Magna Grecia” anche la qualità della ricerca sui tumori lasciata in eredità alla Calabria da fare entrare la stessa nell’area della ricerca scientifica ad alto livello perché tale era stato il suo sogno, da trasformare quella che era diventata la “Sua” Calabria nella rete oncologica internazionale. Da tale tracciato storico ora occorre non perdere di vista il rilancio del Polo oncologico, dalla immaginaria pista cementata dal prof. Venuta. Pertanto, come si intende sconfiggere il Coronavirus, utilizzando un apposito vaccino, occorre anche utilizzare le risorse da potenziare anche tale Polo oncologico da evitare anche la migrazione in altre Regioni per curarsi di tale patologia.

Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario