NELLA RETE DEI “PRONTO SOCCORSO” COVID FIGURANO ANCHE TUTTI GLI ALTRI OSPEDALI

Nel Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria il “Pronto Soccorso” Covid verrà attivato nello stesso seminterrato del presidio, in una zona autonoma con Tac e struttura mobile In quello di Polistena occorrerà, però, creare una struttura di circa 200 metri quadrati, dotata di Tac e Radiologia tradizionale. In quello di Locri saranno ampliati gli spazi esistenti al piano terra con Tac e Diagnostica d’Urgenza cpn creazione di una struttura mobile.. Nel presidio di Melito Porto Salvo il “Pronto Soccorso”, sarà recuperato, al piano terra, da una struttura in disuso A Gioia Tauro è previsto l’ampliamento degli spazi esistenti al piano terra allestendo anche la Tac e la Diagnostica di Urgenza. Allo “Jazzolino” di Vibo Valentia stesso criterio, al piano terra, con Tac e posti letto. La struttura mobile, invece, sorgerà in una zona di proprietà del Comune. A Lamezia Terme, il “Pronto Soccorso” Covid verrà istituito al piano terra di una struttura utilizzata per l’emergenza Covid. Pertanto attrezzata con una Tac, per cui riconvertibile a struttura di radiologia aggiuntiva. A Soverato,stesso tracciato con “Pronto Soccorso” sulla stessa area di quello esistente con in previsione anche una Tac. La struttura mobile, invece, sorgerà vicino l’ospedale di Lamezia . All’ospedale “San Giovanni di Dio” di Crotone il “Pronto Soccorso” sorgerà ,al piano terra,di un prefabbricato adiacente all’attuale con Tac e Risonanza.

Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario