MA LA DELIBERA APPROVATA DAL CONSIGLIO REGIONALE VIENE RITENUTA INACCETTABILE DA PARTE DEL SINDAC



L’Approvazione,da parte del Consiglio Regionale, dell’integrazione ospedaliera tra “Mater Domini” e “Pugliese- Ciaccio”con la quale è stata abrogata la precedente Legge Regionale n.6 del 13 marzo 2019 che all’art.1 comma 4, faceva anche riferimento all’ospedale di Lamezia che “ In attesa del complessivo riordino organizzativo del sistema delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale, il Protocollo di intesa di cui al comma 3 prevede l’integrazione del Presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” di Lamezia con le Aziende “Mater Domini” universitaria e “Pugliese “-Ciaccio” ospedaliera.

Con la nuova legge regionale, viceversa, per il sindaco di Lamezia Terme Mascaro “quanto accaduto è da ritenere un dato assodato che attesta che la collaborazione istituzionale tra le due “città sorelle” (Catanzaro e Lamezia Terme) essendo stata smentita dai fatti a tal punto appare del tutto inaccettabile che la relazione, sulla predisposizione della nuova legge regionale, finalizzata a tale integrazione, non abbia dedicato un solo rigo alla soppressione del richiamato comma 4 come non abbia dato alcuna motivazione a tale radicale cambiamento ,rispetto a quanto il precedente Consiglio regionale aveva, con cognizione, deliberato. “

Pertanto,il mancato coinvolgimento in tale integrazione dell’ospedale di Lamezia Terme ha creato un autentico subbuglio anche nella politica perché ,a Lamezia Terme , si è parlato addirittura di “colpo di mano” perpetrato ai danni del ruolo e dei compiti che tale Azienda ospedaliera merita.

Pertanto, nessuna parola, ad esempio, è stata spesa sulla legittima richiesta avanzata, che restava finalizzata all’immediata apertura del Reparto di Malattie Infettive e di Microbiologia presso il POLT che pur dispone, per tali esigenze, di una struttura separata dall’edificio principale da utilizzare per i pazienti contagiati dal “Coronavirus” ,né di dotare lo stesso ospedale sia di ulteriori posti letto che di unità mediche in svariati reparti quali la Cardiologia, Radiologia, Chirurgia ,Pediatria ,Neonatologia, né, a tal proposito, si è fatto riferimento né sulla riconosciuta necessità di dotare il POLT di Emodinamica, né di riaprire il Reparto quale il TIN, che sino ad un recente passato, è stato anche riconosciuto come una eccellenza regionale.

Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario