CON L’OK DI ASTRAZENECA DALL’AGENZIA EUROPEA DEL FARMACO LA CALABRIA ATTIVA LE PRENOTAZIONI


Anche La Calabria, con l’ok ottenuto dall’Astrazeneca dall’Agenzia Europea del Farmaco, ha potuto attivare la piattaforma delle prenotazioni, a partire degli Over 80. Ora occorre anticipare, il più possibile, le vaccinazioni da porre un deciso freno sia al Covid 19 che alle diverse “varianti” tra le quali, la più pericolosa, al momento, per gli esperti, resta quella inglese anche se non sono da sottovalutare le altre. Il via libera, nella nostra Regione, a tale piattaforma è stato dato al termine di un confronto avvenuto tra Spirlì, Presidente f.f. della Regione, Longo, Commissario della Sanità e Varone Direttore Generale della Protezione Civile Regionale d’intesa con le Aziende Sanitarie della Calabria. Pertanto, sta riprendendo quota, con i dati relativi alle immunizzazioni, anche il miglioramento del sistema di impostazioni. Per cui occorre essere fiduciosi di un miglioramento generale della campagna vaccinale in Calabria. Merito anche di Poste Italiane che ha messo a disposizione le proprie competenze e le strutture logistiche ed informatiche per contribuire alla realizzazione di una campagna vaccinale senza precedenti. Il Ministro della Salute ha autorizzato la Regione l’utilizzo dei Medici di Base nella campagna di vaccinazione. La sospensione precauzionale del vaccino Astrazeneca ,disposta dall’Agenzia Italiana del Farmaco sull’intero territorio nazionale, anche se è durata appena qualche giorno,ha egualmente provocato dei dubbi logistici sullo stesso svolgimento della campagna vaccinale sino a causare l’immediata interruzione delle somministrazioni già prenotate. Nel frattempo, in attesa dell’ ok, celermente ottenuto, sull’efficacia anti Covid del vaccino Astrazeneca, per qualche giorno si è fatto ricorso all’utilizzo di altre dosi di vaccini (Pfizer o Moderna) anche se gli scarsi approvvigionamenti nazionali non hanno aiutato la soluzione del problema. Intanto, si è riuscito a sciogliere alcuni nodi uno dei quali interessa quello finalizzato alla logistica della campagna vaccinale,con molti sindaci a fianco dei medici di base. Le varie Aziende Sanitarie Provinciali hanno garantito una equa distribuzione di dosi in ragione proporzionale alle richieste avanzate da ogni singolo Medico di Base. Pertanto,con il riutilizzo del vaccino Astrazeneca e le forniture di nuove dosi, sarà possibile effettuare le vaccinazioni anche nei propri ambulatori da evitare disagi per spostarsi agli over 80.