COVID: DALL’OSPEDALE DI NEGRAR UN” SOS” PER LE MALATTIE INFETTIVE E TROPICALI

Non può che destare un giustificato allarme un “SOS” lanciato da uno dei più importanti presidi di risonanza nazionale che si occupa di malattie infettive e tropicali: addebita al Covid di rallentare non solo le cure quanto anche i progressi della Salute globale.

Pertanto, una riduzione di cure, non solo provoca un aumento dei casi ma potrebbe contribuire alla diffusione del virus d SARS.COV 2 e delle sue varianti.

La pandemia sta avendo un impatto devastante anche sui programmi di lotta sulle malattie infettive e tropicali già scarsamente finanziati.

Vi sono pertanto pazienti con HIV potenzialmente suscettibili alle complicazioni del Covid 19 che non vengono più segnalati regolarmente, anche agli ambulatori dedicati. In caso di infezioni con possibile insorgenza ai farmaci, non solo, ad esempio, c’è un aumento dei casi, quanto potrebbero contribuire anche alla diffusione dello stesso Covid e delle sue varianti.

Pertanto concentrarsi con miopia su di un’unica malattia si può rilevare catastrofico per le maggiori malattie infettive e tropicali.