E’ IL SISTEMA SANITARIO TERRITORIALE “CONGELATO” CHE PROVOCA ANCHE LA CADUTA DEI LIVELLI ESSENZIALI


La Sanità calabrese, anche in questi momenti di emergenza, s’è trasformata in un “ginepraio”dal momento diventa anche impossibile presentarsi al Tavolo “Adduce” con le carte in regola anche dall’accennato Tavolo ministeriale non s’è ancora riusciti ad ottenere lo sblocco del turnover, né l’ok che nuove assunzioni. Pertanto, dal Tavolo, a conclusione di ogni riunione finalizzata alla verifica del Piano di rientro, si sono solo ottenute brutte notizie, soprattutto in merito al disavanzo. Continua ad andare incontro a notevoli difficoltà lo stesso Commissario alla Sanità Longo in quanto costretto a rispedire al “mittente” (alle Aziende Ospedaliere e Sanitarie) i bilanci “bocciati”. Com’è possibile presentarsi al Tavolo “Adduce” con i conti in peggioramento, in linea con l’andamento degli ultimi anni del disavanzo con un generale peggioramento dei Livelli Essenziali di Assistenza ? Pertanto, trattasi di un sistema sanitario territoriale “congelato”dove nella maggior parte delle Aziende sanitarie da anni mancano anche dei rendiconti finali.