LA SCOMPARSA DI JOLE SANTELLI HA APERTO UN NUOVO SCENARIO POLITICO DA DECIFRARE


Qualcuno ha definito la improvvisa scomparsa di Jole Santelli , Presidente della Regione Calabria, una tempesta imprevista, con uno scenario politico tutto da decifrare

Difatti, la Calabria ha perduto una guida battagliera, che certamente passerà alla storia, per l’orgoglio e la passione al senso autentico della Politica, soprattutto per le Sue visioni profetiche, per il suo intuito, i Suoi sacrifici, la capacità e per il suo coraggio-

Ora della Santelli , i se ne parlerà solo nel libro dei ricordi, meglio ancora tra i tanti racconti che la raffigurano con la immagine della storia politica più recente della Calabria. Sarà stata una casualità, ma quel giorno dei funerali ,apparve ad illuminare la “Cittadella “, sede del Regione , un grande arcobaleno colorato che faceva il paio con un raggio di sole. Anche questo è un segno del destino da far ricordare che proprio in quel “Palazzo” al dodicesimo piano,era riuscita a scrivere la sua breve,ma intensa storia politica regionale.

Una “leonessa” che ha difeso la Sua terra ,da mettere la sua stessa vita al servizio della Calabria,riuscendo anche a strappare le pagine più brutte della sua Storia,con un’amicizia leale ,da seminarla in tutta la Regione.

Era la Calabria bella , agile, che rispecchiava anche la Cultura .Intendeva , in tal modo, dimostrare che anche la sua terra si sarebbe potuta cambiare , cancellando divisioni, conflitti e contrapposizioni-

Resterà però sempre un simbolo di coraggio da lasciare alla Sua terra , con il sorriso, anche la sua grinta e determinazione.

Ora non resta che voltare pagina perché dopo nemmeno un anno i calabresi saranno richiamati alle urne per il rinnovo del nuovo Consiglio regionale,

Difatti,a stabilire l’accennato rinnovo è lo stesso Statuto della Regione con l’art.33 comma 6 in base al quale “si procede parimenti a nuove elezioni sia del Consiglio che del Presidente della Giunta Regione,in questo caso per la repentina scomparsa del Presidente”

Gli stessi tempi del voto sono anch’essi disciplinati dallo Statuto regionale ,in particolare dall’art.60 del regolamento attuativo in base al quale entro dieci giorni chi è stato chiamato alla presa d’atto della morte del Presidente dell’Esecutivo entro il limite massimo di 90 giorni dovrà indire nuove elezioni.

Sino alle nuove elezioni sarà il vice presidente che in Calabria è il leghista Nino Spirlì

Tra le ipotesi il centrodestra potrebbe candidare l’on. Wanda Ferro che per dieci anni è stata un’ottima amministratrice della Amministrazione Provinciale di Catanzaro.

Pertanto, al momento, i giochi sono tutti da rifare anche se le circostanze impongono di farli abbastanza in fretta.

Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario