SIAMO A DICEMBRE ED ANCORA LA VELOCITÀ DEL VIRUS CONTINUA A FAR PAURA !



Siamo a metà dicembre, in prossimità del Natale, ed ancora, purtroppo, la velocità di crescita dei contagi non accenna a rallentare anche se il Governo ha deciso di cambiare ,in quasi tutte le Regioni, compresa la Calabria , il colore dall’ “arancione” al “Giallo”. Ma anche col cambio di colore, non è ancora seguito un reale, concreto, cambiamento nella vita dei calabresi perché giustamente sono costretti a rispettare totalmente le norme di sicurezza impartite dal Governo a salvaguardia della stessa Salute. Per cui occorrerà uscire da casa con la mascherina, mantenere la distanza tra le persone, evitare assembramenti. In sostanza, dalle ore 22 sino alle 6 del mattino ,anche nei giorni di Natale e Capodanno, c’è di obbligo restare a casa. Tali norme restrittive impongono ,a tutela della salute di tutti, ,in occasione delle festività natalizie ,pure nella stessa famiglia, baci ed abbracci perché c’è la necessità di rispettare le norme imposte dal Governo per contrastare il virus. Difatti, c’è ancora la necessità di stringere i denti per qualche altro mese in attesa del vaccino, perché solo in tal modo sarà possibile rallentare anche la pressione sia sugli ospedali che sui “Pronto Soccorso”. Tale, purtroppo, è la situazione, che continua ad essere espressa dai numeri, anche se in misura minore rispetto al recente passato. Pertanto con la tendenza al ribasso sia del numero di contagi che di decessi sarà possibile anche recuperare al più presto, lo stesso senso della vita!

Certamente occorrerà ancora del tempo per ottenere dei vantaggi a tutela della salute anche se in queste ultime settimane è stato dato ampio risalto alla possibilità di sconfiggere il virus a partire dal mese di gennaio, con la somministrazioni alle categorie più esposte, come quella dei medici, infermieri e farmacisti del tanto atteso vaccino.

Difatti, si sta parlando da tempo, di due vaccini anti Covid. Il primo quello di PFIZER ,il secondo di MODERNA che per gli esperti in patologie infettive, sarebbero entrambi giunti alla fase finale con ottimi risultati sino a toccare il tetto del 95% di tutela della Salute. Pertanto, dovrebbe essere giunto finalmente il momento, dopo diversi mesi trascorsi tra tanta paura, di far ritornare nelle famiglie un’atmosfera di serenità e, soprattutto di tranquillità.

Ora occorre attendere che la curva dei contagi vada al disotto dell’1 perché se si raggiungesse tale dato rappresenterebbe già lo strumento di contenimento dell’epidemia. Difatti, il miglioramento lo si noterà solo tra un paio di settimane, ovvero dopo Natale e Capodanno, quando finalmente, dopo mesi di paura, si perderà anche di vista il virus. Però sino a quel giorno occorrerà rispettare gli obblighi imposti dal Governo a causa della pandemia per dare poi a tutti la sicurezza della salute.

Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario