SONDAGGIO DELLA DOXA SU COSA NE PENSANO GLI ITALIANI SUL CAMBIAMENTO DI VITA A CAUSA DELLA PANDEMIA


Abbiamo inteso staccare una immaginaria spina dalla persa del Coronavirus ,approfittando anche del sondaggio effettuato dalla DOXA su come la pensano gli italiani sul cambiamento della loro vita. Per cui abbiamo “estratto” da tale sondaggio,con la fiducia,anche la speranza degli italiani di andare incontro ad una vita diversa. Pertanto, presumiamo che la quasi totalità degli italiani, da tale sondaggio, che andremo a riportare, senza apportare alcuna modifica, ha apertamente manifestato la propria convinzione di riacquistare la libertà in tempi brevi, dopo aver lasciato alle spalle situazioni difficili da dimenticare.

Dopo tale necessaria premessa, riportiamo l’esito ottenuto dalla DOXA da tale sondaggio ponendo in scaletta, al primo gradino, l’85% degli italiani i quali hanno ritenuto che finita l’emergenza, tutto cambierà, con il ritorno ad una vita non solo normale ma soprattutto tranquilla anche in famiglia. Al secondo gradino, invece, figura il 75% degli italiani, per i quali occorrerà ancora del tempo per riadattarsi alla vita di prima. Per cui sarà ancora necessaria non solo l’uso della mascherina quanto evitare l’assembramento. Al terzo gradino, il 60% degli italiani i quali ritengono che vi sia la necessità del rispetto del rigore imposto dal Governo, dal momento che c’è da tener conto delle varianti al Corvid, segnalate anche da qualche Regione, con lo spettro di una maggiore incidenza sulla mortalità. Al quarto ed ultimo gradino figura la percentuale del 45% degli italiani ,i quali ritengono che la “gestione” dei vaccini esige un costante controllo da limitare,il più possibile, che restino nei “congelatori” addirittura per mancanza di appropriate siringhe. Comunque, dai sondaggi, complessivamente, si è potuto estrarre con la speranza che risiede in tutti gli italiani, anche la certezza di andare incontro a giorni migliori, da poter festeggiare, a differenza del Natale, questa volta la Pasqua, in famiglia, in serenità, dopo un anno difficile anche dimenticare.


Panorama Sanitario Calabrese

    Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Catanzaro iscritto al n.107 del registro della stampa Direttore Responsabile: Gerardo Gambardella

© 2015 by Panorama Sanitario