TUTTE LE REGIONI ENTRO GIUGNO CON L’IMPATTO DELLE VACCINAZIONI SI TINGERANNO DI BIANCO "INTEGRALE"

L’esodo delle Regioni verso il “bianco” è la conseguenza di una decrescita ormai costante della pandemia con una incidenza nazionale di 32 casi per ogni 100 mila abitanti. Difatti, con il tasso di occupazione delle terapie intensive passato dal 14% al 12%. Pertanto ben al disotto della soglia critica del 30% ,e quello dei reparti ordinari dal 14% all’11% con una soglia di attenzione del 40% anche l’RT scende allo 0,68%. La consistente discesa dei contagi e l’andamento della campagna vaccinale sono i principali ingredienti di un periodo che comincia anche a diventare tranquillo che però non deve spingere ad abbassare la guardia perché deve essere sfruttato per trovarsi pronti anche dopo l’estate. Al momento si stanno vivendo situazioni che lasciano ben sperare per il futuro ,tant’è che negli ospedali resta attivo solo il reparto di Malattie Infettive con diminuzione di ricoveri per covid. Per cui, con i numeri della pandemia che in Calabria continuano a migliorare dopo che le persone che si sottopongono alla vaccinazione sono in crescente aumento ora occorre pervenire alla copertura di gregge con la seconda fase. Pertanto, tutto ciò consente di guardare all’estate con ragionevole tranquillità, da cacciare anche le previsioni più pessimistiche da parte di chi ritiene ancora possibile un colpo di coda dell’epidemia in autunno. Comunque, al momento, non sembrano esserci le basi per un rialzo imminente dei contagi. La campagna vaccinale resta sempre tra le priorità perché le varianti” ,in campo,impongono prudenza, dal momento che nascondono sempre…l’imprevedibile. Ora occorre, col drastico ridimensionamento dei contagi, anche l’attuazione di un piano di riordino della rete ospedaliera, approvato dall’ex commissario alla Sanità Cotticelli, ma, che dopo un anno, resta ancora “congelato”, con il rialzo dei posti letto in Rianimazione e Terapia Intensiva per farsi trovare sempre pronti in caso di emergenza come la creazione a settembre di un”Pronto Soccorso” in un padiglione del “Pugliese” dedicato al covid